I VECI DEL BASSANO

Questa sezione è dedicata ai racconti tramandati dai reduci della Grande Guerra che hanno prestato servizio nel Battaglione Alpini Bassano. Siamo disponibili a pubblicare anche le vostre testimonianze, scriveteci al nostro indirizzo mail battaglione.bassano@libero.it !

Luigi Fantinato - classe 1895

 

Nativo proprio di Bassano, Luigi Fantinato dal gennaio 1915 viene reclutato nel Battaglione Alpini dell’omonima città. Partecipa ai tremendi combattimenti sul Monte Cukla (alto Isonzo) e nel febbraio 1916 viene ferito al volto da uno scoppio di shrapnel. Successivamente viene trasferito a fermare la Strafexpedition austriaca sugli Altipiani, dove le nostre azioni controffensive si arresteranno ai piedi dell’Ortigara con il sopraggiungere del nevoso inverno di quell’anno.

Nella primavera del 1917 Luigi è assegnato al Battaglione Val Brenta e nel giugno 1917 risulta ricoverato all’ospedale militare di Modena, (non abbiamo notizie sulla causa della ferita o malattia).  Dopo 30 giorni di convalescenza rientra al Battaglione Alpini Val Brenta, nell’agosto 1917 passa alla 1355^ Compagnia Mitraglieri del 6° Gruppo Alpini.

Il 25 maggio 1919 ottiene finalmente il congedo illimitato dal servizio militare.

 

Oggi a portare avanti la memoria di Luigi è il suo pronipote Nicola Fantinato classe 1996, che dal 2016 mosso dalla sua passione per la storia veste l’uniforme nel nostro Gruppo. Nell’estate 2017, a seguito delle ricerche all’Archivio di Stato di Vicenza, immaginate l’emozione e la sorpresa di Nicola (già rievocatore del Bassano) nel vedere la dicitura “Battaglione Bassano” riportata sul foglio matricolare del bisnonno Luigi!

 



Francesco Trentin racconto del nipote Felice

 

Mi chiamo Trentin Felice e sono nipote di Trentin Francesco, nato il 17/08/1887 a Sarcedo (VI). Chiamato alle armi il 15 Ottobre 1907 nel 6° Reggimento Alpini Battaglione Vicenza, passa poi nel 1910 nel Battaglione Bassano.

Chiamato alle armi per mobilitazione il 31 Luglio 1915, ha combattuto per tutta la prima guerra mondiale.

Ha preso parte ai combattimenti sul Monte Cukla; da quel poco che mi è stato raccontato da mio padre, era nei Reparti Arditi, tre volte ferito e tre volte decorato.



Rodeghiero Francesco Runz e Stona Costantino Domenico

 

Ringraziamo il dott. Igor Rodeghiero, presidente del comitato Centenario Grande Guerra Cittadella, per aver condiviso con noi i fogli matricolari dei suoi bisnonni: Rodeghiero Francesco Runz e Stona Costantino Domenico, appartenenti entrambi al 6° Rgt. Alpini Btg. Bassano e poi richiamati rispettivamente con i battaglioni Saccarello e Ceva, combattendo sull'Ortigara, Monte Fior e Carso.



Edoardo Valenzano - racconto del nipote Dante

 

Nonno Edoardo nacque il 23 Aprile del 1894 a Castagnole Monferrato (allora provincia di Alessandria) da Pietro Antonio Valenzano e Lombardo Cristina Maria di Montemagno Monferrato (la bisnonna era vicina di casa alla famiglia del gen. Gaetano Giardino nonché della stessa"Leva").

Il nome completo di mio nonno era Francesco Giovanni Edoardo noto a tutti con l'ultimo nome. Questo a causa dell'elevato numero di componenti della mia famiglia , che ancora oggi invadono l'astigiano, e bene o male allora i nomi più comuni erano Pietro , Giovanni , Francesco, Giovanni Battista ecc. quindi per identificare una precisa persona della famiglia usavano l'ultimo nome di Battesimo (mah!).

Edoardo venne arruolato come soldato di leva nel 1914 , partecipò alla Grande Guerra prima nel 3°Reggimeto Alpini Battaglione Pinerolo e poi nel 1916 fu "trasferito o aggregato" al 6° Rgt. Alpini Battaglione Bassano e ritrasferito al 3° per il congedo nel settembre del 1919. Le mie notizie finiscono qui per quanto riguarda la storia diciamo legale che si può leggere sul retro del congedo, poi c'è la storia tramandata a voce, ma questa forse si perde nella leggenda...